OFFICINA APERTA provincia di Como, Lecco e Sondrio

TRATTO DAL SITO DEL GOVERNO – Decreto #IoRestoaCasa, domande frequenti sulle misure adottate dal Governo

18 Aprile 2020

Le officine meccaniche per autoveicoli, biciclette e motocicli possono continuare a svolgere la propria attività? Sì, le attività di riparazione e manutenzione autoveicoli e motocicli (officine meccaniche, carrozzerie, riparazione e sostituzione pneumatici) possono continuare a svolgere la loro attività in quanto considerate essenziali alle esigenze della collettività. Allo stesso modo sono autorizzate le attività connesse a consentire lo svolgimento delle attività di manutenzione e riparazione quali la vendita, all’ingrosso e al dettaglio, di parti e accessori di ricambio. Tuttavia, al fine di evitare il contagio, l’attività deve essere svolta con le seguenti precauzioni: a) limitare il contatto con i clienti e adottare le necessarie precauzioni sanitarie (rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, utilizzo di guanti e mascherine sanitarie di protezione); b) favorire, ove possibile, l’attività di vendita per corrispondenza e via internet di parti e accessori di ricambio.

Recarsi in una qualsiasi delle attività commerciali aperte costituisce una ragione legittima di spostamento? Sì, lo spostamento è ammesso, purché nei limiti del tragitto più breve. Le attività commerciali aperte vanno considerate essenziali in base alla normativa emergenziale vigente, perciò l’acquisto dei beni e servizi da esse erogati si configura in termini di necessità. Conseguentemente, tale ragione di spostamento, in caso di eventuali controlli, dovrà essere dichiarata nelle forme e con le modalità dell’autocertificazione e comunque dovrà sempre essere rispettata la distanza interpersonale di almeno 1 metro da ogni altra persona.

Le domande e le risposte ( tratte dal sito del Governo ) rendono chiarezza sulla possibilità dei clienti delle attività aperte secondo i codici allegati al DPCM del 10 aprile 2020 ( in cui rientrano a pieno titolo le attività di riparazione e manutenzione di motocicli ) di recarsi presso la concessionaria Harley Davidson Breva e Tivan di Alzate Brianza. La concessionaria è operante con esclusività nelle provincie di Como , Lecco e Sondrio per quanto i clienti che provengono da tali provincie potranno, con il tragitto piu’ breve , recarsi presso la concessionaria con le seguenti modalità:

  • Prendere un appuntamento telefonico o via telematico;

  • Stampare la email di conferma con l’indicazione del giorno , ora e sommariamente del lavoro da svolgere se di riparazione o di manutenzione o entrambi;

  • Recarsi per il tragitto piu breve alla concessionaria portandosi con sè la email di conferma da allegare alla prevista autocertificazione;

  • per il tragitto di ritorno la concessionaria rilascerà la fattura che attesterà il lavoro effettuato.

I clienti che non sono residenti nelle provincie di Como, Lecco e Sondrio potranno anche essi usufruire dei servizi offerti con le medesime modalità sopra indicate aggiungendo specifica motivazionale nella autocertificazione ( ad esempio – il pezzo di ricambio è gia in sede, ho comprato la moto presso Breva e Tivan, mi hanno dato l’appuntamento prima o in data piu confacente di altre concessionarie , ecc )

RIMANE IMPORTANTE AL FINE DI AGEVOLARE IL COMPITO DELLE FORZE DI POLIZIA LOCALI E DELLO STATO, CHE GLI SPOSTAMENTI SIANO MOTIVATI DA ASSOLUTA NECESSITA’ NONCHE’ DOCUMENTATI E PROVATI .

In caso di problematiche sanzionatorie negli spostamenti autorizzati ai sensi di legge si riportano gli estremi legislativi e in particolare l’applicazione dell’art. 18 della Legge 689/81 con ricorso gerarchico alla Autorità competente.

(entro il termine di trenta giorni dalla data della contestazione o notificazione della violazione, gli interessati possono far pervenire all’autorità competente a ricevere il rapporto a norma dell’art.17 scritti difensivi e documenti e possono chiedere di essere sentiti dalla medesima autorità. L’autorità competente, sentiti gli interessati, ove questi ne abbiano fatta richiesta, ed esaminati i documenti inviati e gli argomenti esposti negli scritti difensivi, se ritiene fondato l’accertamento, determina, con ordinanza motivata, la somma dovuta per la violazione e ne ingiunge il pagamento, insieme con le spese, all’autore della violazione e alle persone che vi sono obbligate solidalmente, altrimenti emette l’ordinanza motivata di archiviazione degli atti comunicandola integralmente all’organo che ha redatto il rapporto”)

Ex comandante di corpo di polizia locale,
Giurista e responsabile della sicurezza di enti locali,
dott. Tumbiolo Maurizo

 

Recommended Posts
Contattaci

Inserendo i dati nel form acconsenti al relativo trattamento al solo fine di rispondere alla tua gentile domanda.

Not readable? Change text. captcha txt
Harley Davidson como riapre